Trovafinanziamenti.it

TASSI PRESTITI

Quante volte si sente parlare di tassi prestiti e di quanto influiscano in un mutuo o finanziamento? Quando si decide di accendere un finanziamento o un mutuo, al momento della stipula contrattuale, si accettano delle clausole inerenti alla restituzione della somma che è stata richiesta: queste clausole sono formate dai tassi di interesse. È infatti molto importante, se non fondamentale, informarsi dettagliatamente sull'ammontare dei suddetti, in quanto in un prestito i tassi potrebbero incidere notevolmente sull'importo rateale da rimborsare.

- Quali sono i tassi di prestito?

Esistono più tipologie di tasso prestiti tra cui il prestito tasso fisso, il prestito tasso misto o il prestito tasso variabile. Osservando questi tassi prestiti nel dettaglio, e considerandoli tra i principali e più comuni tipi di tasso prestito, possiamo provare ad analizzarne sommariamente le peculiarità con qualche esempio.

- Che cos'è il prestito a tasso fisso?

È un prestito con tassi costanti nel tempo, in quanto non subirà influenze da parte dell'andamento del mercato economico nel periodo della sua durata. I tassi calcolati e fissati alla stipula del contratto resteranno quindi invariati senza subire alcuno sbalzo e, di conseguenza, anche le rate del rientro rimarranno immutate e stabili come prefissato in origine. La convenienza di questa scelta, fa sì che i tassi prestiti "fissi" possano garantire al cliente una stabilità che nel proprio quotidiano permetta di calcolare con sicurezza l'amministrazione della propria vita economica senza sorprese, pur sapendo che un prestito tasso fisso avrà comunque costi maggiori e non godrà di eventuali ribassi di interessi derivanti dall'eventuale altalenanza del mercato economico.

- Cos'è il tasso misto?

Il prestito tasso misto è una forma di tassi prestiti che presenta il vantaggio a chi lo richiede di poter scegliere dopo un determinato periodo l'opzione più congeniale. Infatti inizialmente il cliente potrà scegliere di "provare" ad affrontare un prestito tasso variabile, per poi poter decidere di passare, nel caso non si trovasse bene, ad un prestito tasso fisso o viceversa. Naturalmente l'elasticità di questo tipo di prestito sta nell'adattarsi alle esigenze del richiedente.

- Cos'è il tasso variabile?

Si tratta di una tipologia di prestito dove l'importo della rata del rimborso viene di volta in volta calcolato tenendo conto dell'andamento del mercato economico monetario. In questo modo le rate potranno subire sbalzi, determinati appunto dal tipo di tasso correlato. Il tasso prestiti varia anche per il fatto che in questo tipo di finanziamento vengono considerati due tipi di interesse: il tasso cosiddetto "d'ingresso" che viene aggiunto nei primi periodi dell'applicazione del contratto e dà l'idea di "convenienza" al prestito, in quanto di importo vantaggioso essendo molto basso, ed il tasso "a regime", che invece è il reale tasso del prestito erogato, e che nel tempo sarà sensibile a tutte le variazioni del mercato economico con le conseguenze relative che ricadranno sull'importo delle rate. Importante quindi valutare quest'ultimo tasso prestito al momento della stipula contrattuale.

Tassi prestiti aggiornato il 17 Aprile 2017


Vai alla home:Trova Finanziamenti

tassi prestiti